Oceania

14/12/2016
Oceania

I Walt Disney Animation Studios tornano a Natale con “Oceania” e con un enorme salto nel tempo e nello spazio, fino a tremila anni fa e alle isole polinesiane nel sud dell’Oceano Pacifico, andiamo a conoscere la storia della giovane Vaiana e del semidio Maui.

 

Quello del villaggio di Vaiana, la figlia del capo, era un popolo di navigatori esperti e entusiasti, protetti e ispirati dal possente Maui. Finché Maui non cede alla tentazione di rubare il Cuore di Te Fiti, l’isola che dà la vita, scatenando la lenta rovina di tutte le isole oceaniche. Ma Vaiana conosce l’Oceano sin da bambina e per salvare l’isola dalla carestia, e seguire finalmente la sua voce interiore, si spingerà alla ricerca di quel mascalzone di Maui.

 

In “Oceania” la leggenda delle origini di un popolo esotico si mescola e ispira i principi di libertà e emancipazione più moderni, disegnando una “Principessa Disney” diversa dal solito, che non rincorre il principe azzurro ma cerca la sua identità e sfida da sola le intemperie del mondo.

 

Nelle loro ricerche in Polinesia i registi del film John Musker e Ron Clements sono stati travolti dalla musica, così come lo sono gli spettatori del film grazie alle esplosive canzoni del musicista samoano Opetaia Foa’i, del vincitore del premio Pulitzer Lin-Manuel Miranda e di Mark Mancina.

 

Nella versione italiana le canzoni sono cantate da Chiara Graspo, Raphael Gualazzi, Sergio Sylvester, Rocco Hunt e Angela Finocchiaro. L’album italiano sarà disponibile nei negozi dal 16 dicembre, mentre il film arriva nelle sale dal 22 dicembre.